Stampa
Visite: 2054

DERUTA è una graziosa cittadina nel cuore verde dell’Umbria, a circa 15 chilometri da Perugia, ed è inserita tra i “Borghi più belli d’Italia”. Sorge su una collina, ai piedi di un sistema di rilievi coperti da una fitta macchia mediterranea. E’ nota in tutto il mondo per le sue preziose ceramiche di antica origine, custodite nei più importanti Musei e Collezioni private, e le numerose testimonianze documentano come la ceramica di Deruta sia stata prodotta ininterrottamente dal Medioevo ad oggi.

Il nome nasce come variante di “Diruta”, cioè “rovinata”, in riferimento alla fuga dei perugini dalla loro città, incendiata da Ottaviano nel 40 a.C.. Gli abitanti della città distrutta, “Diruta”, si stabilirono poi sul colle dell’odierna Deruta.

Per conoscere l’equipaggio clicca qui.

Agosto 2015
 
sergi deruta 01
Veduta di Deruta

 

La struttura della cittadina si compone di un nucleo storico e di un ampio settore abitativo ed industriale che si è sviluppato in questi ultimi anni parallelamente alla direttrice statale E45. Lungo la medievale cinta muraria si aprono tre porte che consentono l’accesso al centro storico: Porta San Michele Arcangelo, Porta Perugina e Porta del Borgo.

 

sergi deruta 02 sergi deruta 03
Porta San Michele Arcangelo Piazza dei Consoli

 

Entrando dalla porta principale San Michele Arcangelo, si giunge in Piazza dei Consoli, uno spazio allungato sul quale, oltre alla Fontana del 1848, si prospettano i principali edifici pubblici e religiosi del borgo. Il Palazzo Municipale è l’antico Palazzo dei Consoli, che oggi ospita il Comune e la Pinacoteca. Edificato nel ‘300 e trasformato nel ‘700, ha conservato inalterate le bifore ogivali ed il portale che abbelliscono la facciata. La Torre trecentesca ha bifore in stile romanico.

 

sergi deruta 04 sergi deruta 05
Piazza dei Consoli Palazzo Municipale

 

In fondo alla piazza si giunge in “Largo San Francesco” dove si affaccia il complesso francescano, costituito dal Convento (fondato nel 1008) e la Chiesa, ristrutturata e consacrata nel 1388, dopo un violento terremoto che l’aveva distrutta completamente, la quale ha una bella facciata in pietra arenaria, con il portale ogivale ed un elegante rosone in pietra bianca e dorata. All’interno del tempio sono conservate tracce di affreschi di scuola senese, realizzati tra il XIV e XVI secolo.

 

sergi deruta 06 sergi deruta 07
Chiesa San Francesco

 

Nell’annesso convento ha sede il Museo Regionale della Ceramica; istituito nel 1898, è il più antico Museo italiano per la ceramica e, nel 2012, ha ottenuto il riconoscimento di “Meraviglia Italiana”. Al suo interno sono conservate oltre 6000 opere che narrano l’evoluzione della maiolica derutese dalla produzione arcaica a quella del Novecento. In una sala molto suggestiva, c’è la Biblioteca specialistica, ricca di circa 1600 volumi, un fornito centro di documentazione, specializzato sull’arte ceramica.

 

sergi deruta 08 sergi deruta 09
Museo Regionale della Ceramica

 

Nel centro storico di Deruta è attivo il Circuito di antiche fornaci per la cottura della ceramica. Nel 2008 è stata scoperta l’area archeologica delle fornaci di San Salvatore, a pochi metri dal Museo Regionale della Ceramica. Un’indagine archeologica ha messo in luce alcune strutture databili tra la fine del ‘200 e gli inizi del ‘700. Oggi, un tunnel sotterraneo collega il museo con l’area archeologica, che consente un itinerario unico fra le antiche fornaci. Il circuito comprende anche le antiche fornaci di Grazia, di Calzuola e di Baiano, visitabili contattando direttamente le botteghe artigiane.

 

sergi deruta 10 sergi deruta 11
Deruta si veste di ceramica

 

Anche l’arredamento urbano è “vestito di ceramica” a Deruta. Tali opere si possono ammirare lungo le mura storiche, all’interno del borgo, nelle viuzze, nei giardini e sulle facciate delle case. Dai Giardini Milziade Magnini, arredato con bellissimi pezzi in ceramica, si gode una magnifica vista sulle verdi colline umbre.

 

sergi deruta 12 sergi deruta 13
Giardini Milziade Magnini

 

A fine maggio di quest’anno, all’interno della manifestazione “Buongiorno Ceramica” si è svolta l’iniziativa progettata dagli artigiani, dal titolo “Sor’ Acqua”: … et umile et pretiosa et casta… (tratto dal Cantico delle creature di San Francesco). Nella raffinata cornice di Piazza dei Consoli, 20 pittori hanno lavorato simultaneamente, sviluppando le loro opere sul tema “Acqua fonte di vita”. Le suddette opere sono attualmente esposte nei locali museali dell’Ex Fornace Grazia. La stessa iniziativa è stata ripetuta il 30 agosto 2015 ed il tema questa volta è stato “Frate Focu”et ello è bello et iocundo et robustoso et forte… (tratto dal Cantico delle creature di San Francesco).

 

sergi deruta 14bis            sergi deruta 15
“Sor’ Acqua”

 

Desideriamo ringraziare il gentilissimo Signor Paolo Ricciarelli, Presidente della Pro-Deruta, il quale ci ha fornito utili informazioni e materiali, che ci hanno consentito di poter illustrare queste interessanti manifestazioni che si tengono nel borgo di Deruta.

I primi insediamenti a Deruta furono favoriti dall’abbondanza dei depositi di argilla nel territorio circostante e dalla posizione geografica a ridosso di importanti vie di comunicazione. La produzione del periodo più antico (XIII e XIV secolo) era di oggetti di uso domestico (piatti, boccali, versatori) decorati con motivi geometrici o floreali con verde ramina e bruno manganese.

 

sergi deruta 16 sergi deruta 17
Deruta e la sua ceramica

 

Con il passare del tempo, la lavorazione della ceramica raggiunge il suo apice nel XVI secolo: la tavolozza si arricchisce con l’arancio, il blu ed il giallo e anche di nuovi motivi, con figure femminili, scene mitologiche, decori raffaelleschi, fiori, arabeschi, uccelli ed altri animali, in piena sintonia con l’impulso offerto dal Rinascimento a tutte le discipline artistiche.

 

sergi deruta 18 sergi deruta 19
Deruta e la sua ceramica

 

La produzione è vastissima e variegata ed il visitatore ha la possibilità di scoprire con gli artigiani, i diversi tipi di lavorazione e decoro e trovare un campionario ricchissimo di oggetti di grande bellezza. 

Per vedere tutte le foto di questo viaggio clicca qui.

 

INFORMAZIONI UTILI