Ricerca

Avevamo programmato una bella vacanza in Svizzera, a Lucerna e dintorni, ma problemi familiari ci hanno costretti ad optare per una destinazione non troppo lontana da casa, ovvero da Prato. La nostra scelta è caduta sul Camping “BELSITO” in Località Vico, tra Montecatini Terme e Montecatini Alto.
 
Per conoscere l'equipaggio clicca qui.
 
Agosto 2008
 

Il campeggio, situato su di una collina a 250 metri s.l.m., si estende su una superficie di oltre 3 ettari, con fondo erboso ed in terra battuta, pianeggiante e terrazzato, tra ulivi (circa 800), noci, acacie, magnolie e cipressi. Il panorama che lo circonda è veramente fantastico, lo sguardo si perde su verdi e dolci colline.

 

alt
Camping “Belsito” - “Giuditta” in piazzola
 
Abbiamo avuto la sensazione di trovarci all'estero in quanto il 90% dei campeggiatori provenivano dall'Olanda, dall'Austria, dalla Germania, dall'Inghilterra e la maggior parte di loro con la caravan o la tenda. 
 
alt
Stefano e Luisa al Camping
 
Grazie alla posizione strategica del Camping, nel cuore della Toscana, è possibile raggiungere, con brevi escursioni giornaliere più o meno lunghe, in macchina o in treno: Pistoia, Pisa, Firenze, Siena, Lucca, la Garfagnana e numerosi antichi borghi medievali di cui abbiamo raccontato in alcuni nostri diari che si trovano in rete.
Durante la nostra vacanza abbiamo fatto due brevi escursioni. La prima è stata a Montecatini Alto, che dista pochi minuti di macchina dal Camping. Questo borgo era un castello di origine romanica ed è situato su una collina a 300 metri s.l.m.
 
alt
Montecatini Alto
 
La Montecatini che conosciamo oggi, anticamente era solo una palude sottostante il castello. Le proprietà curative delle acque di tale palude erano già note agli etruschi. Grazie al Granduca Leopoldo, che fece costruire canali e stabilimenti per facilitare l'uso delle sorgenti termali, prese vita un secondo borgo: l'attuale Montecatini Terme.
 
alt
Montecatini Alto – piazza principale
 
Montecatini Alto ha una bellissima piazza principale, ancora lastricata con la pavimentazione in pietra, dove si possono ammirare antichi stemmi, portali e l'antica Cancelleria Comunale trasformata nel “Teatro dei Risorti”. Una funicolare collega il vecchio borgo alla città termale.
 
alt
Veduta di Collodi
 
La seconda escursione l'abbiamo fatta a Collodi, che dista circa 10 km dal campeggio. Come altre migliaia di persone eravamo già stati a Collodi per visitare Villa Garzoni con il magnifico giardino ed il famosissimo Parco di Pinocchio.
 
alt
Collodi – scorcio del borgo
 
Questa volta, invece, siamo andati solo per vedere l'antico borgo che si inerpica su un ripido colle alle spalle della Villa. E' stata una vera gioia per noi arrampicarci, a turno, per le viuzze del paese lastricate in pietra, in mezzo a piccole case che conservano intatto il loro aspetto medievale. Ben visibili le antiche fortificazioni, le porte, la Rocca e, all'apice del borgo, la stupenda Pieve di San Bartolomeo, da dove si può ammirare uno splendido paesaggio. Il piccolo borgo di Collodi è veramente un magico gioiello.
 
alt
Terme Tettuccio
 
Abbiamo visitato pure lo stabilimento “Terme Tettuccio”, conosciuto anche come “Bagno Nuovo” fin dal XIV Sec. E' così chiamato per una tettoia che copriva la sorgente. Il complesso è impostato sul concetto delle terme romane, immerso in un parco ricco di piante diverse, ornato da imponenti colonnati, tribune, fontane e grandi aiuole fiorite.
 
alt
Interno Terme Tettuccio
 
L'elemento caratteristico è una fonte a forma di conchiglia le cui acque sono raccolte in una piscina; queste terme sono veramente belle e meritano una visita.
Le nostre giornate sono passate in completo relax e con un tempo splendido. La mattina facevamo colazione sotto la veranda, beati dell'aria fresca e pulita e del cinguettio dei passerotti. Con la macchina, poi, raggiungevamo Nievole per comprare la schiacciata (l'alimentari del Camping è comunque fornitissimo) ed il giornale. Da subito avevamo trovato casualmente, lungo la strada, un'azienda agricola dove acquistavamo verdura, frutta e uova. Rientrati al Camping ci sdraiavamo al sole, leggendo o facendo parole crociate e poi andavamo in piscina, dove Stefano nuotava con gioia. Un bel pranzo sotto la veranda, dopo una bella nuotata, era proprio appagante e piacevole. Nel pomeriggio tirava sempre una leggera brezza, così ci stendevamo all'ombra e, cullati dal fruscio delle foglie, schiacciavamo dei pisolini favolosi. Più tardi, Stefano e Luisa, andavano al Bar per un aperitivo. La sera facevamo delle grigliate di carne e verdure o andavamo al ristorante del campeggio per mangiare un'ottima pizza.
 
 
alt
Stefano e Luisa nella piscina del Camping
 
Molte volte siamo andati al Gambrinus di Montecatini Terme per l'aperitivo-cena, con musica dal vivo, mentre altre sere abbiamo fatto una passeggiata in centro con sosta per un gelato nei locali con piano-bar.
 
 

alt

L'equipaggio (Luisa è la fotografa) al Gambrinus
 
I nostri venti giorni di vacanza sono passati in un lampo, ci siamo rilassati e rigenerati in una natura bella ed armoniosa, in un ambiente tranquillo immerso nel verde, mangiando i prodotti freschi della terra, guardando il cielo stellato, ascoltando il canto degli uccelli ed il fruscio del vento tra gli alberi: non c'è niente di meglio per riconciliare il corpo e lo spirito con il mondo e la natura intera e... cosa più incredibile, tutto questo l'abbiamo trovato a solo pochi chilometri da casa.

Nella Photo gallery del nostro sito www.camperdream.it sono visibili tutte le foto del viaggio.

 
INFORMAZIONI UTILI

 


Il Camping BELSITO si trova in Via delle Vigne (Loc. Vico) 51016 Montecatini Terme (PT) Tel. e Fax (0039) 0572.67.373, si raggiunge comodamente dall'Autostrada A11 Firenze-Pisa con uscita Montecatini Terme, seguendo poi la strada per Montecatini Alto e le indicazioni del campeggio; E-Mail: info@campingbelsito.it; www.campingbelsito.it
Vogliamo sottolineare che la struttura è accessibile ai disabili ed il bagno ad essi riservato, comodo e funzionale, è dotato anche di doccia; il piano piscina è accessibile a chi è in carrozzina, ma per entrare in acqua con il disabile ci vuole la “forza delle braccia” poiché è sprovvista di appositi sollevatori.
Il piccolo borgo di COLLODI è sconsigliato ai disabili su sedia a rotelle.